Kerek Store - LIVING, DESIGN & LIFESTYLE ~ Negozio online fashion urban style

 mioClick! ...all arround you! Standard Image Banner 180 x 150  Registrati ora e ottieni 8% di sconto su tutto il catalogo online. Ordine minimo 100€ Prenota online gli hotel eDreams! 180x150 - Continuativo Cibo & Accessori per Cani  Profumi Uomo - Donna - Bambino

BauBau Foto - Guarda le foto dei GrandeLupo Friends!

Produttori

Diagnosi Diabete Mellito nel Cane

I sintomi clinici del diabete mellito indicano che il tuo cane potrebbe essere affetto da diabete mellito. Poiché altre malattie possono causare gli stessi segni, il veterinario effettuerà alcuni test per confermare la diagnosi.

Sintomi del diabete mellito

Se il tuo cane manifesta uno qualsiasi dei seguenti sintomi, consulte il tuo veterinario:

  1. Beve molta acqua
  2. Urina di frequente
  3. Ha sempre fame
  4. Ha perso peso malgrado mangi di più

Diagnosi del diabete mellito formulata dal veterinario

I suddetti sintomi sono indicativi del diabete mellito, ma si osservano anche in altre malattie. Per questo motivo, il tuo cane dovrà essere esaminato accuratamente dal veterinario.

Campioni di urina

Il veterinario può inizialmente esaminare un campione di urina per stabilire la presenza di glucosio nell’urina e/o di una infezione delle vie urinarie.

Campioni di sangue

Per confermare la diagnosi, il veterinario preleverà un campione di sangue per stabilire il livello ematico di glucosio (zucchero) nel tuo cane.

Se la concentrazione del glucosio ematico è consistentemente più elevata rispetto alla norma, questo potrebbe indicare che il pancreas del vostro cane non sta secernendo (sufficiente) insulina e/o che l’organismo del cane è "resistente" all’insulina che il suo pancreas produce. Il cane è quindi affetto da diabete mellito.

Esame generale

Il veterinario verificherà inoltre lo stato di salute generale del tuo cane (per escludere la presenza di altre malattie e/o infezioni). Questo è molto importante poiché le infezioni ed alcune malattie possono ostacolare il trattamento del diabete mellito.

 

Piramide Alimentare

Il controllo del diabete mellito

Il controllo del diabete mellito si avvale sia dell’impiego di farmaci che di un rigoroso controllo della dieta, dell’esercizio fisico, dello stile di vita e, dell’ovarioisterectomia delle femmine intere.

1. Terapia insulinica sostitutiva: Lo schema terapeutico più efficace per il controllo del diabete consiste nella somministrazione di insulina esogena, con diverse modalità, allo scopo di compensare lo stato di carenza dell’ormone naturale. Tuttavia è necessario sottolineare come la sommistrazione di insulina di sintesi ad orari prefissati non possa riprodurre esattamente le variazioni fisiologiche del tasso di tale insulina endogena che si verificano durante la giornata e che dipendono da una molteplicità di fattori. La terapia ha, pertanto, lo scopo.di normalizzare approssimativamente la glicemia, di controllare i sintomi, di limitare la progressione della malattia e le sue complicanze a lungo termine.

Le preparazioni di insulina attualmente disponibili sono essenzialmente di 3 tipi:

  • Insulina a breve durata d’azione

  • Insulina ad azione intermedia

  • Insulina a lunga durata

Le modalità di somministrazione dipendono dal tipo del preparato scelto e dalla risposta dell’animale al trattamento.

2. Farmaci ipoglicemizzanti per uso orale: trovano un limitato impiego in medicina veterinaria nei casi di diabete non insulino-dipendente.

3. Misure dietetiche: E’ assolutamente importante mantenere un regime alimentare costante per qualità e quantità. Negli animali cui è stato diagnosticato il diabete. Spesso risulta difficile preparare una razione giornaliera costante per composizione perciò il ricorso ad un mangime preconfezionato di ottima qualità appare più che giustificato. La quantità iniziale dovrà tenere conto delle condizioni dell’animale: i soggetti cachettici (stato di profondo deperimento organico) dovranno riuscire a guadagnare gradatamente il peso-forma mentre quelli obesi dovranno perdere l’eccesso per migliorare la risposta tissutale all’insulina il cui dosaggio andrà adattato quindi alle variazioni del peso corporeo.
Quanto alla composizione, andranno evitati i cibi eccessivamente morbidi (favoriscono il balzo post-prandiale, cioè l’aumento della glicemia a seguito dell’ingestione del cibo); la quota calorica di mantenimento nell’animale dovrà essere mantenuta costante; la quota in zuccheri solubili dovrà essere bassa , e si dovrà assicurare un buon apporto di fibra che consente una più graduale liberazione degli zuccheri costitutivi. La razione giornaliera andrà infine frazionata almeno in due pasti, uno ogni 12 ore, in concomitanza alla somministrazione dell’insulina o del farmaco ipoglicemizzante per uso orale ( le modalittà di somministrazione dei pasti saranno diverse a seconda del tipo di insulina utilizzato).

4. Esercizio fisico: Visto che questo influisce notevolmente sulle richieste di insulina, si dovrà tentare di mantenerlo costante.

5. Ovarioisterectomia: L’asportazione chirurgica delle ovaie nelle femmine con diabete mellito è imperativo per eliminare una fonte di progesterone endogeno. L’intervento andrà fatto non appena le condizioni organiche del paziente lo permettano. Il motivo che sta alla base di questa scelta è la liberazione di ormoni che antagonizzano l’insulina e rendono il controllo della glicemia molto difficoltoso, durante il proestro (la fase del ciclo sessuale che precede il "calore") e l’estro (calore), questi ormoni sono rispettivamente estrogeni e progesterone. Anche la gravidanza risulta molto rischiosa., sia per motivi ormonali che per lo stress e l’aumento delle richieste energetiche, e spesso sfocia in grave stato chetoacidosico.

 

http://www.diabete-cane-gatto.it


FAQ

Hai bisogno di aiuto? Guarda la nostra sezione FAQ.

Contattaci

Contattaci per email o chat ti risponderemo quanto prima!

Telefono:0123-456-789

Contatta GrandeLupo

galleria fotografica

Vai alla gallery

PayPal